Il paesaggio culturale alpino dell'Alta Val Venosta è caratterizzato per buona parte da pascoli di alta quota e malghe. Qui si trova la più grande conoide alluvionale delle Alpi, la Landa di Malles, a nord della quale si estende il paesaggio lacustre intorno al Lago di Resia e a S. Valentino alla Muta.

Oggi in Val Venosta ci sono ancora più di 80 malghe in attività che lavorano in totale 37.000 ha di alpeggio, in media a 2.000 metri di altezza. Le malghe sono anche un punto di ristoro per gli escursionisti e offrono ai loro ospiti tranquillità e riposo, ma anche musica locale e concerti, nonché la tradizionale cucina altoatesina da gustare sulle soleggiate terrazze. I casari producono formaggio, burro e latticini.

Importante: la maggior parte delle malghe in Alta Val Venosta è aperta solo nei mesi estivi (da metà giugno a inizio settembre).