La zona occidentale dell'Alto Adige affascina non solo con la sua natura e le mura storiche, testimoni di un passato movimentato, ma anche grazie ad arte e cultura contemporanee. Già nel XIX e XX, la Val Venosta era terra di artisti, scrittori e architetti originali.

L'artista venostano più conosciuto del dopoguerra, Karl Plattner, ha intrapreso un proprio percorso tra modernità e tradizionalismo. Anche il disegnatore e illustratore Paul Flora o gli artisti di Lasa Stefan Stecher e Jörg Hofer, che nelle sue opere utilizza polvere di marmo, hanno raggiunto fama internazionale. Con la pietra bianca lavora anche una squadra di giovani scultori del marmo, artiste come Julia Frank e il Gruppo libero dei giovani selvaggi.

Il progetto Via romanica delle Alpi
Grazie al progetto svizzero "Via romanica delle Alpi - Sentieri del Cielo“, che segue le orme di costruzioni e opere artistiche del primo medioevo, in Val Venosta in Alto Adige le chiese romaniche trovano particolare cura nella loro tutela. Oltre ai sentieri storici, vi sono una serie di costruzioni contemporanee da ammirare, che spesso vengono fatte rientrare nella cosiddetta "Alpitecture".