Scalinate verso il cielo – la via romanica delle Alpi. Così si chiama un progetto di passeggiate culturali lungo testimonianze storiche uniche del primo e tardo Romanico tra la Engadina svizzera, Alto Adige e Trentino. Questa iniziativa comprende più di 30 luoghi solo nella Regione Trentino Alto Adige. Al centro della strada si trova il chiostro carolingio di San Giovanni in Val Monastero, fondato da Carlo Magno.

Come la vicina Val Monastero in Engadina, la Val Venosta ospita alcune delle chiese e degli affreschi più antichi dell’Europa continentale.
In Val Venosta ci sono soprattutto miniature carolinge e romaniche. Qui il percorso segue il tracciato dell’antica Via Claudia Augusta: dal monastero benedettino di Monte Maria, sopra Burgusio, fino a San Benedetto a Malles, San Giovanni a Prato allo Stelvio e S. Vito sulla mistica collina di Tarces. La via romanica delle Alpi porta anche alla città medievale Glorenza, dopo Lasa, a Corces vicino Silandro e al castello di Castelbello nonché alla chiesetta precarolingia di San Procolo a Naturno.