... ...
Trova alloggi liberi
Arrivo
Partenza
Adulti
Paesi vacanze
Tipo alloggio
 
Campanile nel lago

Il campanile nel lago

Il campanile sommerso del lago di Resia, il simbolo della Val Venosta

Il simbolo della Val Venosta è a un tempo fiabesco e affascinante. Dal chiaro lago di Resia, lungo sei chilometri, e davanti alle maestose montagne della selvaggia Vallelunga, emerge solitario un campanile sommerso. La storia, però, che sta dietro a quest’immagine da cartolina, “il campanile nel lago”, è molto meno idilliaca. La chiesetta romanica del 14° secolo è muta testimone dell’irresponsabile costruzione della diga avvenuta subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale.

Tutto però si svilupò in modo completamente diverso. Un bacino artificiale per la produzione di energia elettrica era il progetto successivo ancora sotto l'impero austro - ungarico. Il governo italiano (dopo la prima guerra mondiale, nel 1919, il Tirolo è stato diviso col patto pacifico di St. Germain, e l'Alto Adige annesso dall'Italia) nel 1920 ha ripreso il progetto e ha concesso una elevazione del livello d'acqua fino a 5 metri. La dimensione di questo progetto non era tanto preoccupante perché non aveva un immediato pericolo per i paesi Curon e Resia.

Nel 1939 lo Stato concesse al consorzio "Montecatini" la costruzione di una diga in basso al "Mittersee", la quale doveva permettere un ristagno d'acqua fino a 22 metri. La popolazione di Curon e Resia veniva totalmente trascurata. Con l'inizio della seconda guerra mondiale il progetto fu temporaneamente abbandonato. Gli abitanti dell'alta Val Venosta credettero che il progetto del bacino artificiale fosse sepolto per sempre. Nel 1947 peró, sbalordendo le popolazioni dei due paesi, la "Montecatini" annunció l'immediato proseguimento della costruzione del lago artificiale.

Nell’estate del 1950 tutto era ormai pronto. Le chiuse sono state serrate e l’acqua si è alzata. 677 ettari di terreno sono stati sommersi, quasi 150 famiglie hanno perso i loro averi, la metà di questi è stata costretta all’emigrazione. I risarcimenti erano molto modesti. Gli abitanti di Curon sono stati sistemati in delle baracche di fortuna costruite in gran fretta all’inizio di Vallelunga. Con questo progetto di diga, nato al tempo del fascismo, centinaia di famiglie di Curon e Resia hanno perso le basi della loro esistenza.

Oggi il campanile nel lago di Resia a Curon è stato messo sotto protezione ed è diventato una calamita per turisti e il simbolo del comune.
Trova alloggi liberi
Arrivo
Partenza
Adulti
Paesi vacanze
Tipo alloggio
wandernsee
Divertimento senza limiti: la Summercard d'oro permette di viaggiare in autobus, treni, funivie perfino in un battello... per una vacanza indimenticabile.
 
aufhaenger-082sv-e7t8128-72
In autunno la natura riempie le madie della cantina di prodotti prelibati e voi potrete apprezzarli in occasione delle manifestazioni legate all’iniziativa Selezione d’autunno! Abbiamo raccolto i migliori consigli per voi!
 
suzuki-nine-knights-mtb-2015-day3-action-geoff-gulevich-david-malacrida-distillery-nbh-lr-4
Manifestazioni speciali nella regione turistica Passo Resia che non si deve perdere!
 
fr-erlebniswegtalai1
I bambini saranno accompagnati da Zipf e Zapf, che svelano alcuni segreti sul bosco ed i suoi abitanti. Alla fine del percorso si trova il tesoro misterioso.
Benvenuto nella area turistica Passo Resia
Sulla famosa strada romana Via Claudia l'ospitalità è cresciuta in modo naturale. Attorno ai paesi di Curon, Resia, S. Valentino e Vallelunga oggi si estende una delle regioni turistiche più moderne e ricche di varietà.