Il purissimo marmo di Lasa in Alto Adige è famoso in tutto il mondo. La preziosa roccia calcarea metamorfica proviene dal fianco nord-est del gruppo dell'Ortles, mentre ai piedi della montagna, nei pressi del paese di Lasa, che dà il nome alla pietra, vengono stipati gli enormi blocchi di marmo. Il marmo di Lasa è una pietra di rara purezza e il giacimento da cui viene estratto ha un volume di 500 milioni di m³.

La storia del marmo di Lasa
L'estrazione sistematica dell’”oro bianco” di Lasa e del vicino marmo di Covelano risale ad un tempo lontano. I massi vengono trasportati con la ferrovia marmifera di Lasa. L'affascinante rotaia a piano inclinato per il trasporto del materiale è oggi riconosciuta come monumento industriale ed è ancora in funzione. Il marmo di Lasa viene prevalentemente utilizzato nella costruzione di chiese e nella scultura, ma è stato anche utilizzato nella nuova stazione della metropolitana di Ground Zero a New York.

“Marmo e albicocche”: bianco marmo, dolci albicocche
Dal 1982, a Lasa, è nuovamente attiva una scuola professionale per scultori, che insegna le tecniche di lavorazione della pietra. In occasione della festa “Marmor und Marillen”, che si svolge a Lasa, paese del marmo, artisti e scultori espongono le loro opere.