Chiese, fortezze e castelli ben conservati sono espressione e testimonianze di un passato e di un’arte che vanno ben oltre i confini di un paese. Immersa in un contesto culturale dalle molteplici peculiarità, la “Via Romanica delle Alpi” rappresenta un patrimonio culturale di inestimabile valore. Tra l’Engadina svizzera e l’Alto Adige sono tante le opere risalenti alla prima arte romanica e al suo periodo di maggior splendore. Al centro si colloca il Monastero di San Giovanni di Müstair, fondato da Carlo Magno e patrimonio mondiale UNESCO.

Situata nella parte orientale dell’Alto Adige, la Val Venosta custodisce numerosi borghi di epoca carolingia e romanica. Assieme alla Val Monastero nella vicina Engadina, la Val Venosta ospita alcune delle chiese e degli affreschi conservati più antichi dell’Europa continentale. Lungo la pista pedociclabile dell’Adige che ripercorre l’antica via del commercio Claudia Augusta di epoca romana sorgono l’Abbazia di Monte Maria, il convento benedettino più alto d’Europa, la cittadina medievale di Glorenza, la chiesa di San Vito sulla mistica collina di Tarces e la chiesetta di epoca precarolingia di San Procolo a Naturno.