it
Ricerca & prenotazione  
Arrivo
Partenza
Persone
Aree vacanze
tipo di alloggio
Trova
Escursioni invernali sul Monte Sole
Giallo ocra, marrone pallido, verde scuro, grigio ardesia… e un po' di bianco come la neve
Da „venusta“ 07, Testo: Karin Thöni Heinisch

Devo scrivere un articolo sulle escursioni invernali sul Monte Sole. Senza neve! Per me, dell’Alta Val Venosta, è una cosa impossibile. Poi ho visto le foto e mi sono piaciute. E così mi sono decisa di fare una passeggiata sul Monte Sole. In inverno.

È bello camminare sul versante soleggiato con la vista sul versante innevato. Piccoli sentieri si snodano tra i declivi dalle tinte gialle e marroni con gli antichi sentieri delle rogge che incrociano il cammino. Anche alcuni masi ancora
aperti costeggiano la via. Circondato dai gruppi montuosi, il monte Sole deve accontentarsi di 550 mm di precipitazioni all'anno. Il terreno è povero. Ma così crescono bene piante dell’Asia centrale e dell’area mediterranea. La steppa deve avere un aspetto simile. Povera e arida. Robinie, roverelle, olivelli spinosi, e arbusti di ginepro crescono sul terreno brullo. Il balcone della Val Venosta esposto a sud è unico e bello. Difronte al versante esposto a nord risplende il bosco innevato. Alpino e freddo. Alcune zone del Monte Sole conservano tracce di insediamenti preromanici.

 153w18_MG_5218_8 124w18_R2A0375_8
L’ ipotesi che gli alberi del Monte Sole vennero abbattuti dagli antichi Romani per costruire Venezia ha tenuto fino ad un passato recente. L’ idea che i palazzi veneziani siano sostenuti da tronchi di legno della Val Venosta è intrigante. Ma l'Adige non è mai stato navigabile con zattere. La distruzione del patrimonio boschivo è semplicemente dovuto all’abbattimento e all’opera di pecore e capre. L’aria è chiara, i contorni delle montagne sono nitidi, i colori che mi circondano adorabili.

Storia, flora, paesaggio: tutto si intreccia
qui per una coesistenza tutta particolare.
Arrivo
Partenza